Marc Perin nasce nel 1993 a Tesido-Monguelfo (Val Pusteria, Alto Adige) da padre di lingua italiana e madre di origine tedesca. Il primo strumento musicale che vede è una chitarra portata a casa da suo padre, quand’era ancora molto piccolo, e che già allora esercitava su di lui un fascino immenso, tanto da ammirarla e toccarla di nascosto. Inizia a studiare lo strumento a otto anni, frequentando una scuola musicale. Per tre anni segue gli studi ma è un campus estivo ad accendere in lui una vera passione; specialmente l’interazione con altri giovani musicisti, gli fa provare una forte emozione, tanto da ravvivare in lui lo slancio nello studio.

                                                                                                               

Altro momento clou, che segnerà la direzione artistica della musica di Marc, è l’ascolto di un’audiocassetta regalatagli dal padre, dove era registrato un concerto live del duetto messicano “Rodrigo y Gabriela”. Non riesce a credere che due sole chitarre possano creare un sound così pieno, come se suonassero molti più strumenti! In particolare è affascinato dall’uso percussivo della chitarra che ne fa Gabriela Quintero. Non ha la minima idea di come si possa ricreare quel tipo di musica ma una cosa è certa: è così che vuole suonare! Ed è così che abbandona gli studi e procede da autodidatta, in maniera intuitiva, ispirandosi anche ad altri virtuosi della chitarra quali Tommy Emmanuel, Andrea Valeri, Mike Dawes e Andy McKee, dei quali imita lo stile, rendendolo proprio.

Da qui in poi la carriera musicale di Marc Perin non si arresta mai. Suona tanto ed ovunque, oltre cento concerti all’anno, ormai. Collabora con molti colleghi: con la cantautrice alto atesina Christa Plank, con il carissimo amico Stefan Pfattner, col fisarmonicista della Val Venosta David Frank e la cantante sudtirolese Claudia Pahl.

In data odierna Marc ha registrato tre dischi a suo nome (i dettagli nella sezione Discografia):

– Nel 2019, dopo aver pubblicato vari album con formazioni precedenti, esce Life-Metronome, il suo primo disco da solista, ovviamente come chitarrista fingerstyle. E’ un album nato dalla collaborazione con Luis Seiwald e Barbara Seeber, due artisti che abitano in Val di Casies. Dall’idea di farsi decorare la propria chitarra da Luis, nasce tutta un’ispirazione legata allo strumento, da cui l’album di otto pezzi. Marc suona qui anche il planet-drum, uno strumento percussivo sferico, di ceramica, creato da Barbara Seeber.

– Nel 2020 esce l’Ep Seen this Before, un Ep di cinque canzoni. L’ispirazione viene durante il primo lockdown, proprio con la canzone “Seen this Before” che rappresenta una riflessione sulla pandemia: nulla è una novità, il mondo ha già visto altri periodi difficili. Così anche l’occhio sulla cover del CD è uno sguardo verso il mondo, anche se questo è un po’ “rotto”.Il secondo brano tratta della relazione di Marc col parroco del paese, una persona aperta e non troppo dogmatica. Le altre canzoni parlano degli alunni di Marc, della vita a Innsbruck e del sentimento di Speranza, espresso nella canzone “New Light”, registrata a distanza con il fisarmonicista alto atesino Harry Amhof. Per ogni brano, un’alunna di tredici anni ha disegnato un occhio che esprime il tema della canzone.

– A Maggio 2022 viene pubblicato Grow, terza fatica discografica di Perin, che segna il punto della situazione attuale della sua carriera. In questo album rispolvera brani mai pubblicati e riarrangia i suoi preferiti, oltre ad aggiungerne un paio di nuovi. Ma il concept alla base del disco è la crescita personale legata alle varie amicizie, che Marc onora nelle sue composizioni. Ogni traccia è in memoria di una persona specifica, risultando così un tributo alle persone più care dell’artista e all’insegnamento da loro ricevuto.

La copertina è un omaggio ai suoi giovani studenti della scuola “Freie Waldorfschule Innsbruck” che, saputo del rientro in Italia del loro insegnante, hanno voluto ricordarlo con i propri disegni.

Marc è appena rientrato in Italia (estate 2021) dopo nove anni di residenza a Innsbruck. Insegna Tedesco e Inglese a scuola mentre è insegnante di chitarra a livello privato, sia individualmente, in presenza, che con corsi on line.

Durch die weitere Nutzung der Seite stimmst du der Verwendung von Cookies zu. Weitere Informationen

Die Cookie-Einstellungen auf dieser Website sind auf "Cookies zulassen" eingestellt, um das beste Surferlebnis zu ermöglichen. Wenn du diese Website ohne Änderung der Cookie-Einstellungen verwendest oder auf "Akzeptieren" klickst, erklärst du sich damit einverstanden.

Schließen